First Year’s Dive 2016 ETT charity for Emergency

8 gennaio 2016

 

 

 

M74A2989_tn1463374_952711661476791_292098021020125594_n12410578_952711041476853_9103002017836378266_n

VIAREGGIO -( di Letizia Tassinari TG Regione Toscana ) –  Come ogni anno gli organizzatori del Tuffo di Capodanno Città di Viareggio con grande orgoglio devolvono l’incasso della vendita delle cuffie in beneficenza. Il passaggio simbolico della donazione a favore di Emergency di quest’anno si è svolto nella sede della società sportiva Escape Tuscany Triathlon, in Passeggiata a Viareggio, con la presenza di Gianmarco Francesconi, papà della piccola Aurora prematuramente scomparsa, ed il rappresentante del Gruppo della Versilia di Emergency. L’anno scorso l’incasso della manifestazione fu devoluto alla appena nata fondazione Aurora Francesconi.

Ricordiamo tutti gli eventi del Tuffo di Capodanno Città di Viareggio organizzati da Escape Tuscany Triathlon dalla prima edizione del 2012 alla quinta edizione del 2016. L’ETT non sostiene solamente il costo delle cuffie (acquisto cuffie + stampa scritte e loghi regolarmente fatturate) ma anche costi aggiuntivi di circa 700 euro per l’organizzazione dell’evento quali bolli e bollettini per i vari uffici preposti (suolo pubblico-capitaneria di porto-demanio marittimo), cartellonista, locandine e volantini, nastri segnaletici, cavi elettrici, utensili che regolarmente mancano ad ogni edizione, manutenzione generatore per l’elettricità (benzina, olio, candelette,  revisione generale motore), trasporto transenne, espositori, noleggio impianto stereo, accessori vari per allestimento zona cambio tuffo, tappeti a passatoia, spry per segnaletica, catene, lucchetti,  pennarelli,  penne, carta, cimici, fascette, nastro adesivo industriale, corde e cime, boe segnaletiche, canoa, salvagenti, ambulanze e chi più ne ha più ne metta.  Il ristoro finale di ogni evento offerto dall’ETT. Alla prima edizione del 2012 la società ETT realizzò 40 cuffie artigianali decorando i lati della cuffie con le scritte dipinte a mano dal Presidente ETT Aldo Angeli e da sua moglie Barbara Lucchesi: “Hai Freddo ?…STAY HOME” e Tuffo di Capodanno Città di Viareggio, furono tutte regalate agli esordienti tuffatori. Il ricordo di quell’anno racconta l’Angeli fu veramente emozionante: “Scrissi un ‘email all’allora Presidente della Fondazione Carnevale Alessandro Santini chiedendogli se era possibile avere il Patrocinio dalla Fondazione ed un aiuto per avere le transenne in Piazza Mazzini per delimitare la zona cambio dei partecipanti, visto che per noi era un costo noleggiarele. Devo riconoscere che fu molto disponibile, fui invitato in Fondazione insieme al mio socio IllegalTriathlon Dimitri Ricci. Quell’anno grazie a Santini, arrivarono in Piazza Mazzini sia le transenne che le ambulanze per il giorno del tuffo evitandomi un enorme lavoro. La seconda edizione del 2013 furono 119 le cuffie vendute, 25 quelle regalate. La filosofia del gruppo IllegalTriathlon “Sport Gratis per Tutti” è sempre stata molto apprezzata da chi partecipa

ai suoi eventi. L’assenza di imposizioni di qualsiasi genere esercitata dall’IllegalTriathlon nei suoi molteplici eventi è riconosciuta da tutti ed è un vanto per i loro responsabili. Infatti l’ETT non ha mai obbligato nessuno ad acquistare le loro cuffie per partecipare al Tuffo di Capodanno. I video e le migliaia di foto di tutti i tuffi di Capodanno Città di Viareggio dalla prima all’ultima edizione dimostrano chiaramente che si può indossare in testa una cuffia qualsiasi o non indossarla per niente. L’ETT nonostante la perdita delle spese sostenute per organizzare il tuffo donò ugualmente 500 euro ai Poveri Vecchi di Viareggio attingendo una parte di quella somma dalle proprie tasche”. Il Presidente ETT Aldo Angeli insieme al suo amico Dimitri Ricci, entrambi ideatori del tuffo, consegnarono con grande orgoglio la loro beneficenza al direttore della struttura Poveri Vecchi di Viareggio che in seguito ringraziò pubblicamente. Nella terza edizione del 2014 intere squadre sportive parteciparono con la propria cuffia di appartenenza societaria, ma la cosa più simpatica furono le tante cuffie personalizzate indossate da tanti affezionati al Tuffo di Capodanno di Viareggio. 130 cuffie vendute, 20 regalate.La donazione fatta al gattile di Viareggio fu di 250 euro. L’edizione del 2015 fu per l’ETT particolare perchè dopo la scomparsa della piccola Aurora figlia di uno dei responsabili ETT la società decise che il ricavato sarebbe andato alla neonata Fondazione Aurora. Le cuffie vendute furono 155, quelle regalate 30. La donazione alla Fondazione Aurora fu di 500 Euro.  Nella quinta edizione del 2016 l’ETT si è avvalsa dell’aiuto nella prevendita dei negozi: Perditempo che ne ha vendute 22, Tarducci Bici 0, Pavè Bici 1, Bar Nilos 0, Blue Bar 7, sede ETT 16 tutte al costo di 10 euro l’una. Dodici, invece, le cuffie regalate. La rimanenza di 92 cuffie sono state vendute la mattina del 1 gennaio. Un successo inaspettato tanto da convincere gli organizzatori a mettere a disposizione altre 27 cuffie dell’IllegalTriathlon di colore giallo che giacevano in uno scatolone di materiali della società. 138 cuffie vendute + 27 quelle gialle IllegalTriathlon Hai Freddo?…STAY HOME. La donazione al Gruppo Emergency di Viareggio, oggi, è stata di 750 euro.

“Aver visto l’Assessore Alberici tuffarsi e complimentarsi con me per la bella manifestazione, mi ha dato ancora più carica per organizzare al meglio la prossima edizione. Quest’anno abbiamo battuto il record che detenevamo, per gli anni futuri vogliamo arrivare a quota 1000 tuffatori” . commenta Aldo Angeli -: “Nonostante il record di partecipanti del 2015 e 2016”, racconta l’Angeli,  “non è mai arrivato da Enti o Fondazioni o da sponsor privati nessun tipo di aiuto economico. I volontari dell’ETT hanno speso per tutte le manifestazioni il loro tempo le loro energie ricevendo in cambio la soddisfazione di aver creato per la propria città un evento che fa record “.

Il Presidente ETT Aldo Angeli conferma per l’anno 2017 i gemellaggi per il Tuffo di Capodanno con le città di Brindisi e di Venezia essendo stato contattato direttamente dai responsabili del tuffo di queste località.

Grandi Illegals! E grande ETT!.